Nel centro di Milano, San Maurizio al Monastero Maggiore
Nel centro di Milano, San Maurizio al Monastero Maggiore
  •       >

Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore

Informazioni generali

Nel centro di Milano, a pochi minuti a piedi dal Castello e dal Duomo, si affaccia su corso Magenta 13 la Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, il più importante Monastero benedettino femminile di Milano per circa mille anni, dall’VIII – IX secolo fino al 1798., noto per il suo importante ciclo di affreschi che le vale il soprannome di "Cappella Sistina di Milano"

Sede di monache Benedettine provenienti dalle più importanti famiglie cittadine, per lungo tempo S. Maurizio fu non solo una sede religiosa ma anche una potente sede economica. Il ciclo decorativo permette di ammirare l’evoluzione della pittura lombarda per tutto il corso del 1500, con gli interventi in particolare di Bernardino Luini e i suoi figli Aurelio, Evangelista e Giovan Pietro, di Boltraffio e di Simone Peterzano.  

Il complesso sorse in una zona della città molto importante fin dall'età romana, a ridosso della cerchia delle mura di cinta e sull'area del circo, a poca distanza dal palazzo imperiale.
La tradizione vuole che S.Maurizio sia stato fondato nella tarda età longobarda o nella prima età carolingia (tra VIII e IX sec. d.C.) ma  partire dal 1503 fu ampliato e modificato nelle forme attuali, forse su progetto di Gian Giacomo Dolcebuono, assistito dal Battaggio e dall’Amadeo e concluso, una quindicina di anni dopo da Cristoforo Solari.

Committente principale della decorazione fu Alessandro Bentivoglio insieme alla moglie Ippolita Sforza, che appaiono rappresentati nella parte adibita ai fedeli, insieme alla figlia Alessandra che del Monastero fu badessa per almeno due volte. 

La chiesa, costituita da una navata continua di forma rettangolare allungata, divisa da un tramezzo in due vani distinti, destinati rispettivamente ai fedeli e alle monache di clausura. 

La superficie delle due parti è completamente ricoperta di affreschi attribuibili ai principali protagonisti del Cinquecento lombardo: Bernardino Luini e i figli Aurelio, Evangelista e Giovan Pietro, Paolo Lomazzo, Ottavio Semino, Callisto Piazza, Simone Peterzano.

 

Nel chiostro adibito oggi a sede del Museo Archeologico è possibile vedere due torri romane, conservate intatte fino al tetto, una quadrata da cui partivano le corse dei cavalli nel circo (di cui rimane il ricordo nell'attuale via Circo) e l’altra, poligonale a ventiquattro lati, appartenente alla cerchia delle mura, entrambe di fine III – inizi IV secolo d.C. Le due torri si salvarono dalla distruzione in quanto vennero inglobate nel monastero, la torre quadrata come torre campanaria della chiesa e la torre poligonale come cappella, in ricordo della tradizione medioevale secondo cui proprio nella torre poligonale sarebbero stati imprigionati i primi martiri milanesi, soldati convertiti al Cristianesimo, decapitati durante la persecuzione contro i Cristiani dell’imperatore Diocleziano nel 303 d.C. 

 

La prenotazione è obbligatoria per gruppi e scolaresche (minimo 10, massimo 30 persone) e va effettuata con almeno 15 giorni di preavviso contattando Aster (tel 02 20404175 email: segreteria@spazioaster.it ). L'ultimo orario per l'accesso per i gruppi è alle ore 16:30; dalle 17:30 in poi non è possibile prenotare. 

In allegato indicazioni per l'accesso dei gruppi per la visita alla chiesa.

 

Per visionare virtualmente la chiesa è presente nella colonna destra il collegamento alle foto a 360°.
Fotografie panoramiche a 360° realizzate da © Pietro Madaschi, Italy – www.360visio.com

 

Le chiese di Milano...in tutti i sensi - Un percorso plurisensoriale attraverso quindici tra le più belle chiese di Milano Da oggi è disponibile un percorso plurisensoriale multimediale attraverso la storia e l'arte di quindici chiese di Milano. Il percorso tocca le chiese di San Vittore al Corpo, Santa Maria delle Grazie, Sant'Ambrogio, San Maurizio, San Lorenzo, Sant'Eustorgio, San Simpliciano, Sant'Alessandro, Santa Maria presso San Satiro, San Marco, Santa Maria dei Miracoli, San Nazaro in Brolo, San Fedele, Sant'Antonio e Santa Maria della Passione. All'interno di ognuna delle quindici chiese è stato collocato uno speciale pannello informativo i cui contenuti sono accessibili anche a non vedenti, ipovedenti  e sordi attraverso una comunicazione visiva, tattile e uditiva. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con il Comune di Milano Settore Politiche del Turismo e Marketing Territoriale e con il patrocinio della Direzione Nazionale dell'UICI - Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti onlus (vedi allegato).

Da non perdere

La chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore conserva al suo interno eccezionali capolavori della storia dell'arte lombarda.

Sante, martiri, immagini di committenti popolano le pareti all'interno di illusionistiche finte architetture, senza lasciare uno spazio libero. 

Preziosi sono anche l”Adorazione dei Magi” di Antonio Campi sopra l’altare maggiore, e il coro ligneo di inizi '500 attribuito a Giovan Giacomo Antegnati al centro dell’aula delle monache, ancora oggi in uso per concerti di musica classica. 

Aneddoti e curiosità

Al centro del coro delle monache della Monastero di San Maurizio si trova un pregiato organo cinquecentesco, opera di Gian Giacomo Antegnati, con ante dipinte a tempera da Francesco Medici. Si tratta di uno strumento a trasmissione meccanica costituito da 50 note ed una pedaliera di 20, costantemente unita alla tastiera.

Presumibilmente i due ritratti di eleganti donatori inginocchiati e presentati da santi, affrescati nelle lunette del tramezzo nell'aula dei fedeli, raffigurano i committenti Alessandro Bentivoglio e Ippolita Sforza.

La cappella Besozzi, la terza sulla destra, rappresenta scene del martirio di S. Caterina d’Alessandria. Secondo Matteo Bandello, novelliere dell’epoca, nella scena della decapitazione il volto della santa raffigurerebbe la Contessa di Challant che, accusata di essere la mandante dell’uccisione dell’amante, è giustiziata nel 1526 al Castello Sforzesco.

In questo luogo è ospitato l'evento musicale "Musica e Poesia a San Maurizio" interamente dedicato alla musica antica, diretto per più di 30 anni da Sandro Boccardi.

 

 

Dettagli utili

Raggiungibile con M1 (linea rossa) fermata Cairoli o Cadorna; M2 (linea verde) fermata Cadorna o Sant’Ambrogio, tram (linea 27 e 16).

Approfondimenti

Pubblicazioni:

San Maurizio al Monastero Maggiore in Milano. Guida storico-artistica, a cura di C. CAPPONI, Cinisello Balsamo

Bernardino Luini e la pittura del Rinascimento a Milano. Gli affreschi di San Maurizio al Monastero Maggiore, a cura di M.T. FIORIO e S. BANDERA, Milano. 

in vendita presso il Bookshop del Museo Archeologico email archeobookshop@gmail.com

Mediagallery

    • loading
      • Informazioni biglietto

        Ingresso gratuito. La prenotazione è obbligatoria per gruppi e scolaresche (minimo 10, massimo 30 persone) e va effettuata con almeno 15 giorni di preavviso contattando Aster (tel 0220404175 email: segreteria@spazioaster.it ). L'ultimo orario per l'accesso per i gruppi è alle ore 16:30; dalle 17:30 in poi non è possibile prenotare.

      • loading