PAC Padiglione d'Arte Contemporanea
  •       >

PAC Padiglione d'Arte Contemporanea

Informazioni generali

A Milano le nuove tendenze e le sperimentazioni artistiche trovano da sempre spazio al PAC Padiglione di Arte Contemporanea. I suoi 1.200 metri quadrati hanno ospitato oltre 200 mostre di artisti italiani e internazionali, che qui hanno dato forma alla loro creatività, confrontandosi con lo spazio espositivo e sperimentando nuovi stili di espressione e linguaggi.

 

Rassegne di fotografie, installazioni e video proiezioni: dai video dell’artista italiana Grazia Toderi agli scatti dello statunitense Andres Serrano, dalle performance di Vanessa Beecroft ai writers italiani che interpretano culture Hip hop e Iper-pop. Ma anche attività didattiche, concerti, conferenze e proiezioni.

 

Realizzato dall'architetto Ignazio Gardella, il padiglione è una tra le opere più significative dell'architettura italiana degli anni '50. Si presenta come uno spazio flessibile, che nonostante la sua insolita forma trapezoidale, è capace di adattarsi al meglio, e in maniera sempre diversa, alle esigenze espositive che si trova ad interpretare. Il suo interno viene illuminato dalle ampie vetrate laterali, che si affacciano sugli splendidi giardini della Villa Reale.

Da non perdere

I "Sette Savi", una riproduzione delle sculture di Fausto Melotti posizionate nei giardini della Villa Reale e visibili dalle vetrate interne del PAC.

Aneddoti e curiosità

Il PAC – Il padiglione d'Arte Contemporanea viene costruito tra il 1951 e il 1954 sull'area delle scuderie di Villa Reale, distrutte dai bombardamenti del 1943, secondo il progetto dell'architetto Ignazio Gardella. Inaugurato nel 1954, nel 1993 un attentato di matrice mafiosa lo danneggia pesantemente ma viene ricostruito secondo il progetto originario dallo stesso Gardella, coadiuvato dal figlio Jacopo, e dopo tre anni riprende la normale attività espositiva.

Dettagli utili

Con il biglietto della mostra è possibile partecipare alle attività didattiche organizzate dal PAC.

 

Raggiungibile con M1 (linea rossa) fermata Palestro, M3 (linea gialla) fermata Turati.

 

ACCESSIBILITA'

 

  • Una persona in carrozzina può in piena autonomia raggiungere l’ingresso, entrare nel Museo e visitarne tutte le sale. Può inoltre in piena autonomia raggiungere ed utilizzare i servizi igienici attrezzati a norma di legge per persone con disabilità motoria.
  • Prezzi: il visitatore con disabilità usufruisce di biglietto gratuito
  • E’ possibile prenotare e chiedere informazioni via telefono, email, sul sito del Museo
  • Sono presenti sistemi di allarme antincendio acustici

Mediagallery

    • loading
      • Informazioni biglietto

        BIGLIETTO INTERO: 7 €
        Sono possibili riduzioni
        Il servizio di biglietteria termina un'ora prima della chiusura della mostra.

        Ingresso ridotto per i possessori di Milano Design Film Festival.

      • loading