Curiosità sulla città di Milano, per conoscerla a fondo
Curiosità sulla città di Milano, per conoscerla a fondo
  •       >

Le curiosità

L'emblema della scrofa semilanuta è tuttora visibile  su un bassorilievo portato alla luce nel 1233 durante gli scavi per il Palazzo della Ragione e successivamente murato nel secondo arco dello stesso palazzo, in via Mercanti.

 

La Milano imperiale ha una via trionfale fiancheggiata da grandi portici colonnati che esce da Porta Romana e prosegue verso Roma, per terminare (all'altezza dell'attuale "Crocetta") con un enorme arco celebrativo (molto più grande dell'arco di Costantino nel Foro romano).

 

Nel 313 d.C. l'imperatore Costantino emana a Milano l’Editto di Costantino che pone fine alle persecuzioni contro i Cristiani e rende Milano uno dei centri cristiani più importanti dell’Europa Occidentale.

 

Il rito Ambrosiano, in vigore in periodo addirittura precedente S.Ambrogio, che ebbe il merito di rivederlo profondamente, fa si che la Chiesa Milanese abbia una liturgia diversa da quella romana. Nella Diocesi di Milano l'Avvento inizia l'11 novembre e dura sei settimane, mentre nel rito romano inizia il 26 novembre e dura 4 settimane. La Quaresima non inizia il mercoledì delle Ceneri ma la domenica dopo. Proprio per il Rito Ambrosiano, mentre tutto il resto dell'Italia ha già finito di festeggiare, il carnevale arriva a Milano. Durante il Carnevale Ambrosiano, si festeggia anche il cosiddetto “sabato grasso”.
Le maschere tradizionali sono Meneghino, che compare nel Seicento come personaggio nelle commedie dialettali di Carlo Maria Maggi, in seguito affiancato dalla Cecca. In coppia venivano utilizzati quale portafortuna per le case milanesi.

 

Il 7 dicembre, giornata del patrono della città, si apre la stagione operistica al Teatro La Scala.

Mediagallery

    • loading
    • loading